venerdì 29 gennaio 2010

I PERSONAGGI - 1° EPISODIO: BRUNO MACCHIA

Inizia oggi un nuovo viaggio nella storia della pallacanestro livornese. Da oggi inizieremo ad esaminare i grandi personaggi (dirigenti, allenatori e giocatori) che hanno scritto pagine importanti della pallacanestro nella nostra città ed in italia. Partiamo dal dott. Bruno Macchia.
Il dottor Bruno Macchia non solo è stato tra i pionieri della pallacanestro livornese, ma ha speso tutta la sua vita intorno a questo sport, prima come giocatore, poi come allenatore, quindi come dirigente, sia provinciale che a livello nazionale.

A lui si deve anche la costituzione della prima sezione arbitrale nonché l'avvio dell'attività della pallacanestro femminile.

Ma Bruno Macchia viene legato principalmente alle "Leve Cestistiche", iniziativa destinata a lasciare un marchi indelebile. Propria dal reclutamento di molti giovani usciranno fuori molti talenti della pallacanestro labronica che sono entrati a fare parte della storia della pallacanestro nazionale.

Dalla pallacanestro Bruno Macchia non se ne è mai staccato, neppure quando iniziava a diventare debole vista l'età e doveva essere sorretto da una mazza. Fino agli ultimi giorni della sua vita il dottor Macchia ha continuato a cibarsi di pallacanestro.
Oggi a Livorno il vecchio palasport, il mitico PalAllende, che ha visto le mitiche imprese delle squadre cittadine è stato intitolato proprio a nome suo, si chiama infatti PALAMACCHIA!

venerdì 15 gennaio 2010

I LIBRI SULLA PALLACANESTRO LIVORNESE - 4° PARTE: "ALESSANDRO FANTOZZI, 10 E LODE"

AUTORI: EUSTACHIO FONTANA - ANNO DI PUBBLICAZIONE: 1997
Il libro racconta della carriera di uno dei grandi campioni che è uscito da quella "fucina" di giocatori che era Livorno: Alessandro Fantozzi.
La biografica è stata realizzata dallo scrittore Eustachio Fontana in modo semplice e scritto in maniera eccelsa e racconta tutta la carriera, dai primi passi alla palestra del Gymnasium fino al ritorno nel Don Bosco nel 1996, passando tra le avventure di Roma, Reggio Emilia e Reggio Calabria. di questo giocare che per la metà di Livorno che tifava Libertas era beniamino.
Il libro è uscito nel 1997 quindi manca tutta quella parte di carriera in cui Alessandro Fantozzi gioca a Capo d'Orlando (Sicilia), del suo ritiro e della sua nuova carriera di allenatore.