giovedì 31 dicembre 2009

mercoledì 30 dicembre 2009

lunedì 28 dicembre 2009

I DERBY DI LIVORNO - PARTE 6

I DERBY DI LIVORNO. Gli anni '80 sono stati, sicuramente per tutti, l'apice della pallacanestro "Made in Leghorn" con due squadre che si sfidavano per avere la supremazia cittadina nella massima serie. In questa foto un derby tra la Libertas Livorno e la Rapident Livorno (PL). Si può riconoscere anche il grandissimo Rudy Hackett (in maglia Libertas con il numero 18).

mercoledì 23 dicembre 2009

I DERBY DI LIVORNO - PARTE 4

I DERBY DI LIVORNO. Una foto storica che ha fatto il giro del mondo, esposta in un museo di Barcellona (Spagna), ed è stata scattata durante un derby di Livorno, negli anni settanta, tra la Barcas Livorno (LL) e la Pallacanestro Livorno.

lunedì 21 dicembre 2009

I DERBY DI LIVORNO - PARTE 3

I DERBY DI LIVORNO. I derby di pallacanestro a Livorno sono stati il cuore dello svilluppo di questo sport nella nostra città. Nella storica immagine un momento di un confronto stracittadino sullo stabilimento balneare dei Pancaldi-Acquaviva (sullo sfondo è possibile riconoscere anche l'albergo Palazzo). Le due formazioni sono quella dei Bagni Pancaldi e quella del Dopo Lavoro Ferrovieri.

venerdì 11 dicembre 2009

I LIBRI SULLA PALLACANESTRO LIVORNESE - 3° PARTE: "LIBERTAS LIVORNO, 40 ANNI DI CANESTRI"

AUTORI: LIBERTAS LIVORNO - ANNO DI PUBBLICAZIONE: 1988.
Il libro parla della gloriosa storia di una delle due storiche società livornesi: la Libertas Livorno.
Nel volume scrivono importanti firme del giornalismo nazionale e locale, di allora e di oggi. A firmare i capitoli sono: Dario Colombo, Gianni Decleva, Oscar Eleni, Aldo Giordani, Lorenzo Gremigni, Tullio Lauro, Renzo Marmugi, Ugo Pieri, Vinicio Saltini e Zelio Zucchi.
Toccante e commovente la presentazione di Enrico Vinci, figura di spicco della pallacanestro nazionale, allora presidente della Federazione Italiana Pallacanestro che, non solo ricorda l'importanza della Libertas, ma ricorda l'importanza che la pallacanestro livornese occupa a livello nazionale compreso l'altra società di allora la Pallacanestro Livorno.
Un libro che il popolo giallo-blù è diventato un vero e proprio cimelio.

mercoledì 9 dicembre 2009

DA DOMANI UNA NUOVA RUBRICA

Da domani inizieremo una nuovo rubrica del nostro blog. Dopo quella di "Livorno v Milano", dopo quella di "Ma guarda chi ha giocato a Livorno", in contemporanea aggiungeremo una nuovo spazio. Si tratta di "I Mitici Derby Livornesi" dove poter ripassare la storia dei derby dai primissimi sul campo del gymnasium, a quelli giocati nel "gabbione" dei bagni Pancaldi, per passare da quelli giocati sul campo di via Micali per arrivare ai gloriosi anni '80 ed il PalaAllende. Un appuntamento da non perdere.

venerdì 4 dicembre 2009

MA GUARDA CHI HA GIOCATO A LIVORNO

(Gianmarco Pozzecco con la maglia della Baker Livorno nella stagione 1993-94)
Gianmarco Pozzecco è nato a Gorizia il 15 settembre 1972. Il suo esordio nella pallacanestro che conta l'ha fatto nel 1991 con la formazione della Rex Udine che allora militava nel campionato di serie A2 (l'attuale LegaDue). Nel frattempo la formazione di Udine aveva fatto un gemellaggio con la squadra nata dalla fusione tra Libertas e Pallacanestro Livorno perché la famiglia Querci (che non è ben ricordata a Livorno per la "maledetta" fusione) aveva interessi sia nella società di Udine che in quella livornese. Per questo motivo Gianmarco Pozzecco veste la maglia amaranto della Baker Livorno nella stagione 1993-94 giocando 40 partite nella massima serie (serie A1 oggi Lega A). Alla fine della stagione partecipa ai play-out per la salvezza ma Livorno non gli vince e retrocede in serie A2. L'anno successivo, con Livorno che fallisce, Pozzecco (buon per lui!!!) lascia la costa tirrenica e si trasferisce in Brianza a Varese. Con la Pallacanestro Varese gioca dal 1994 al 2002, disputando 225 partite, vincendo lo scudetto nel 1999 e subito dopo la SuperCoppa Italiana. Sempre nel 1999 partecipa, con Varese, al McDonald's Championship (una sorta di coppa del mondo per club). Alla fine della sua avventura varesina, nell'estate del 2002, passa alla Fortitudo Bologna dove gioca 101 match fino al 2005. Nel 2005 lascia le "acquile" perché era stato messo fuori rosa dall'allenatore, e finisce la stagione in Spagna a Saragozza. Alla fine del campionato spagnola lascia il caldo della penisola iberica per trasferirsi al gelo di Mosca dove gioca nella formazione del Khimky. Firma un contratto annuale ma poi gli viene rinnovato l'anno successivo perché la formazione russa di qualifica alla competizione europea della Uleb Cup. Nel 2007/2008 torna in Italia e si accasa all'Orlandina Basket dove conclude la sua carriera di grande giocatore a tre minuti dalla fine della partita dei play-off tra Avellino e Capo d'Orlando.
Amando profondamente la pallacanestro e nutrendo da sempre la volontà di giocare assieme a suo fratello, nella stagione 2008-09, oltre a collaborare con la Gazzetta dello Sport e SKY, Gianmarco Pozzecco vestirà la casacca della Servolana Trieste, formazione partecipante al campionato di serie C regionale (ex C2).
Nel 2009 entra nei quadri societari dell'Olimpia Milano e torna a giocare in Serie C Dilettanti con la "nuova" Orlandina Basket.
Nel 2004 ha partecipato alle Olimpiadi di Atene e ha vinto la medaglia d'argento perdendo in finale contro l'Argentina.

giovedì 3 dicembre 2009

L'ULTIMA ESULTANZA DI LIVORNO

3 GIUGNO 2001: LIVORNO ESULTA PER LA PROMOZIONE IN LEGA A
E' da otto anni che a Livorno non festeggiamo qualcosa, come si può vedere dalla foto sopra. Livorno espugna il campo di Reggio Emilia con un canestro di Ken Barlow all'ultimo secondo in gara 5 della finale dei playoff di LegaDue per la promozione nella massima serie.

martedì 1 dicembre 2009

LIVORNO v MILANO - PARTE 13

LIVORNO v MILANO. Fu nel lontano 1938/39 che si disputò la prima partita tra una squadra di Livorno ed una squadra di Milano. L'incontro fu tra la formazione del Guf Milano e quella del Guf Livorno (sopra una formazione del Guf Livorno del 1935) e finì, in casa di Milano, con il punteggio finale di 24-17. Il ritorno, giocato a Livorno, che tra l'altro realizzò il record di pubblico per quei tempi, finì con la vittoria di Milano per 19-13.